Il vostro veterinario può suggerirvi di modificare l’alimentazione del vostro cane o gatto. Qui di seguito trovate alcuni suggerimenti per evitare di nuocere all’apparato digerente del vostro animale ed assicurarvi che il nuovo cibo sia appropriato.

Prospetto generale per il cambiamento di alimentazione
Ci sono parecchie ragioni per cui si dovrebbe variare l’alimentazione del vostro cane o gatto. Quando si decide di modificare la loro dieta, è meglio farlo gradualmente. La maggior parte degli animali non reagisce bene se, abituato ad un certo tipo di marca o cibo, improvvisamente trova nella sua ciotola qualcosa di diverso.

Piano di transizione per la variazione del cibo per il tuo animale
Il miglior modo per modificare l’alimentazione del vostro animale è mischiare gradualmente le due differenti diete, incrementando il nuovo alimento nell’arco di una settimana, finchè l’animale non si abitua a mangiare il “nuovo” cibo.

  1. Primo e secondo giorno
    • Vecchia dieta – 75%
    • Nuova dieta – 25%
  2. Terzo e quarto giorno
    • Vecchia dieta – 50%
    • Nuova dieta – 50%
  3. Quinto e sesto giorno
    • Vecchia dieta 25%
    • Nuova dieta 75%
  4. Settimo giorno
    • Nuova dieta 100%

Le conseguenze legate alla variazione troppo rapida dell’alimentazione
Se la variazione dell’alimento avviene troppo rapidamente, il vostro animale potrebbe rifiutare il nuovo cibo. Inoltre si potrebbero riscontrareproblemi digestivi:

  • Stomaco sottosopra
  • diarrea
  • vomito
  • gas eccessivi
  • costipazione

Complicazioni legate alla variazione di alimentazione
Se il vostro animale ha problemi digestivi durante la transizione alimentare, diminuite le dosi della nuova dieta. E’ molto raro, ma se dovesse mostrare preoccupanti segni di sofferenza, eliminate subito il cibo e rivolgetevi al veterinario.
Di solito questo tipo di problema dovrebbe risolversi in 12 ore. Se il dolore/disagio dura più di 12 ore, dovreste portare l’animale dal veterinario.

Contattate il veterinario anche nel caso in cui il vostro animale si rifiutasse di mangiare per 24 ore o più. Ci sono alcune tecniche per facilitare l’inizio di una nuova dieta:

  • Offrite direttamente al vostro animale un po’ del “nuovo” cibo direttamente dalla vostra mano. Sembrerà un premio o un regalo speciale offerto dal padrone.
  • Aggiungete una piccola quantità d’acqua al cibo secco, o acqua calda per il cibo in scatola. Questo aiuterà a mantenere l’aroma e la consistenza del cibo.

Altri cibi o prodotti considerati velenosi per gli animali

  • Alcool: gli animali non possono ingerire cibi con presenza di alcool, come ad esempio dolci al rum. L’alcool può provocare nel cane o nel gatto un abbassamento di zucchero nel sangue e una riduzione della temperatura corporea. Può addirittura portare al coma o ad attacchi epilettici.
  • Avocado: l’avocado è un frutto velenoso per i cani e i gatti, e soprattutto per gli uccelli risulta essere tossico. Nel caso in cui un volatile mangi questo frutto, potrà avere disturbi respiratori e addirittura morire.
  • Caffeina: la caffeina negli animali provoca vomito, diarrea, eccessiva sete, irrequietezza, e tachicardia. E’ una sostanza stimolante tossica per cani e gatti.
  • Cioccolato: molte persone sanno che il cioccolato è tossico per i propri animali. Più il cioccolato è scuro più sarà pericoloso, poiché contiene più caffeina e teobromina.
  • Uva e uvetta: sia l’uva che l’uvetta possono causare problemi seri al sistema renale dei cani e di alcuni tipi di gatti. Evitate qualsiasi derivato dell’uva, inclusi i dolci o il succo d’uva.
  • Funghi: non tutti i funghi sono tossici. Alcuni, comunque, sono irritanti per il sistema gastrointestinale, altri possono avere un effetto allucinogeno ed altri ancora provocano problemi al fegato e possono portare alla morte.
  • Cibi senza zucchero (xilitolo): il sostituto naturale dello zucchero, lo xilitolo, può essere molto pericoloso per i cani. E’ dannoso perché aumenta il livello di insulina, causando ipoglicemia (basso livello di zucchero nel sangue), e può essere nocivo per il fegato.