Chiunque abbia passato del tempo con dei cani avrà probabilmente avuto un’esperienza nella quale un cane apparentemente docile si avvicina ad un altro, assumendo un comportamento aggressivo. Non è sempre chiaro il motivo per cui reagiscono così. A volte semplicemente specie sociali (come i cani) desiderano avere il loro spazio.

Il bisogno di spazio potrebbe variare di giorno in giorno, da luogo a luogo, da persona a persona e da cane a cane. Se si scontra consituazioni socialmente spiacevoli, l’essere umano tende a reprimere le emozioni sfogando la tensione in un altro modo (per esempio allontanarsi da quella situazione), ma i cani non necessariamente hanno gli stessi filtri, opzioni o abilità.

Quando i cani si sentono minacciati o ansiosi, più probabilmente manifesteranno comportamenti di insofferenza (come guaiti), di fuga(come correre dietro al padrone) o di aggressione (ringhiare, abbiare, mordere) in risposta alla situazione. Allo stesso modo, un cane inizialmente “amichevole” se posto di fronte ad un altro cane dalcomportamento aggressivo, potrebbe improvvisamente divenire poco amichevole e rispondere all’aggressione.

Principi
Ci sono alcuni prinicipi di base a cui le persone dovrebbero fare attenzione per evitare situazioni negative come quelle appena descritte. Per i principianti, esistono numerose ragioni per le quali i cani hanno bisogno di spazio. Questi cani possono essere:

  • Cani da lavoro e di servizio
  • Ammalati o in ripresa dopo un’operazione
  • Non reattivi
  • Feriti o in condizioni fisiche che implicano dolore, come l’artrite
  • Intolleranti ad altri animali
  • Paurosi o non abituati alle persone
  • Anziani
  • In fase di educazione per il mantenimento del controllo di fronte ad altri cani
  • Paurosi o non abituati ad altri cani caotici
  • Appartenenti a persone che voglio essere lasciate sole

Padroni di animali responsabili riconoscono che esistono questi tipi di cani e si preoccupano che i loro amici, anche non intenzionalmente, traumatizzino un animale che ha bisogno di spazio; queste persone:

  • Rispettano tutte le leggi del guinzaglio
  • Chiedeno sempre il permesso affinchè il suo cane si avvicini ad un animale di un altro proprietario
  • Ascoltano e rispettano la risposta dell’altro padrone (se l’altro pardone dice no, essi evitano ogni contatto ravvicinato)
  • Osservano la presenza di eventuali segni di ansia o agressione nell’altro cane e in tal caso allontanano il proprio animale.

Un buon proprietario pensa non solo alla salute e al benessere del proprio cane, ma anche all’impatto che lui può avere sulla salute e sul benessere degli altri; in altre parole fa attenzione a proteggere tutti i cani. Il comportamento di un cane può dipendere dall’ambiente, da altri animali, dalle risposte che riceve, etc.

Proprio come gli esserei umani, i cani hanno buoni e brutti giorni!

  • I cani “amichevoli” non rimangono amichevoli se minacciati o sfidati
  • Cani al guinzaglio possono sentirsi particolarmente minacciati se avvicinati ad animali che ne sono privi.
  • Cani che vanno d’accordo quando non sono al guinzaglio, possono avere atteggiamenti diversi se uno o entrambi sono al guinzaglio

Quando un animale affronta una situazione minacciosa, il sistema nervoso simpatico è attivo e rilascia ormoni dello stress come l’adrenalina, per preparare il corpo a rispondere alla minaccia. Questo è conosciuto come la risposta “combatti o fuggi“. L’animale minacciato scapperà o aggredirà per fronteggiare la minaccia. Il cane al guinzaglio ha poche opzioni di scelta, così in questa situazione un cane che normalmente scaperrebbe pò rispondere con l’aggressione.

Ricorda, solo perchè un cane non ringhia o non morde, non significa che sia amichevole. Un cane che si avvicina ad un altro può in tal modo minacciarloo provocarlo. Osservare delle piccole regole di comportamento e di rispetto degli altri padroni può assicurare una pacifica interazione fra cani.